17 settembre 2016 | by La Redazione Abruzzo IDV
De Santis dell’Idv lancia l’allarme «E’ l’amministrazione che deve risolvere questa incresciosa situazione»

«Come spesso accade, si è arrivati all’ ultimo momento senza aver predisposto per tempo la procedura di gara per l’ assegnazione della gestione e della manutenzione del Progetto Case, con le evidenti conseguenze di disservizi e di incertezze sul mantenimento dei posti di lavoro – sottolinea – Non essendoci i tempi tecnici o la volontà […]

«Come spesso accade, si è arrivati all’ ultimo momento senza aver predisposto per tempo la procedura di gara per l’ assegnazione della gestione e della manutenzione del Progetto Case, con le evidenti conseguenze di disservizi e di incertezze sul mantenimento dei posti di lavoro – sottolinea – Non essendoci i tempi tecnici o la volontà politica di procedere verso una soluzione chiara ed efficiente, non rimane che ricorrere subito ad una gara veloce sul Mepa- Consip, mercato elettronico , per tamponare in extremis il problema ed evitare il licenziamento dei 28 addetti». «Confido nel senso di responsabilità del dirigente preposto perché sia trovata, comunque, una soluzione che assicuri il servizio e che salvi i posti di lavoro», aggiunge ancora De Santis. «Nel cantiere più grande d’ Europa aumenta la disoccupazione e il Comune, pur non avendo esplicite competenze sul lavoro, ha la responsabilità di assicurare il funzionamento di alcuni servizi e, quindi, del posto di lavoro per gli addetti, come quelli della Csa del Progetto Case e Map, i cui contratti scadono il 30 settembre»,conclude.

Leave a Reply

— required *

— required *